La Biblioteca Civica Prospero Rendella fornisce i servizi di Prestito interbibliotecario e di Document Delivery di testi non presenti all’interno della propria collezione.

Gli utenti sono tenuti a rispettare le vigenti leggi sul diritto d’autore, nonché a restituire i materiali avuti in prestito con sollecitudine e nello stesso stato di conservazione in cui si sono ricevuti.

 

Servizi di ILL e DD per gli utenti
Per accedere ai servizi è necessario essere iscritti alla biblioteca. Possono essere inoltrate fino a tre richieste al mese. Si procede individuando dai cataloghi on-line il materiale desiderato, da soli o con l’aiuto del personale bibliotecario e si compila il modulo di richiesta. La richiesta una volta inoltrata non potrà essere annullata. Si possono inoltre richiedere ad altre biblioteche riproduzioni nella misura non superiore al 15% di pagine di fascicoli o volumi non presenti nelle nostre collezioni.

 

 

Ritiro del materiale
L’utente verrà avvisato tempestivamente dell’arrivo del documento tramite e-mail o telefono e dovrà provvedere al ritiro presso la biblioteca.
Le modalità o le tariffe del Prestito interbibliotecario e del Document Delivery sono soggette ai regolamenti delle biblioteche che forniscono il materiale.
L’utente potrà ritirare il materiale solo a fronte della consegna della ricevuta di versamento della tariffa richiesta come rimborso spese, se dovute.

 

Servizi di ILL e DD per le Biblioteche
Il servizio di Prestito Interbibliotecario è gratuito e basato sulla reciprocità del trattamento. Tutte le biblioteche possono richiedere prestiti alla Biblioteca Civica Prospero Rendella inviando le richieste a info@bibliotecacivicamonopoli.it. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere telefonicamente allo 080.4140709. La durata del prestito è di 30 giorni, non prorogabili.

Sono escluse dal Prestito interbibliotecario:
– opere di frequente consultazione (enciclopedie, dizionari, repertori bibliografici, atlanti, manuali, codici, trattati, repertori ed altro materiale di rilevanza bibliografica, in rapporto alla specificità delle raccolte);
– opere di notevole pregio bibliografico e il materiale che richieda una speciale conservazione;
– opere antecedenti al 1900;
– periodici e opere in continuazione;
– tesi di laurea;
– opere multimediali;
– ogni altra pubblicazione di cui, per particolari esigenze, la Direzione della Biblioteca ritenga di dover limitare la consultazione alla sola lettura in sede.