Sala Piccoli e Piccolissimi

Nel Manifesto Unesco e IFLA sulle Biblioteche Pubbliche tra i compiti chiave, che riguardano l’informazione, l’alfabetizzazione, l’istruzione e la cultura, è indicata una serie di obiettivi che sono e saranno al centro dell’attività che si intende portare avanti:

  • creare e rafforzare l’abitudine alla lettura fin dalla tenera età;
  • offrire opportunità per lo sviluppo creativo della persona;
  • stimolare l’immaginazione e la creatività di ragazzi e giovani;
  • promuovere la consapevolezza dell’eredità culturale, l’apprezzamento delle arti, la comprensione delle scoperte e innovazioni scientifiche;
  • dare accesso alle espressioni culturali di tutte le arti rappresentabili;
  • incoraggiare il dialogo interculturale e proteggere la diversità culturale;
  • sostenere la tradizione orale;
  • sostenere le attività e i programmi di alfabetizzazione rivolti a tutte le fasce d’età, parteciparvi e, se necessario, avviarli

…e dunque…

La Rendella si dota di una Sala Piccoli e Piccolissimi, spazio pensato e realizzato a misura di bimbo; un ambiente che tiene conto delle competenze, capacità e potenzialità dei più piccoli e che è attrezzato per svilupparle.
Tavolini, piccole sedie, poltroncine, grandi cuscini, scaffali a misura di bimbo arredano un ambiente spazioso e colorato, le cui finalità sono certamente ludiche, ma anche e soprattutto didattiche. La Sala Piccoli e Piccolissimi della Rendella è infatti un ambiente dove imparare, divertendosi, a diventare lettori, e lettori rispettosi, che sanno condividere spazi, tempi e piccole passioni.
I libri, che popolano scaffali, espositori e cassette porta libro, sono stati scelti accuratamente tra proposte editoriali di qualità e sono suddivisi per fasce d’età, in modo da essere facilmente individuati e scelti: a ogni bimbo il “suo libro”.
E si potrà portarlo con sé, a casa, quel libro!

La tessera, necessaria per il regolare prestito dei volumi della biblioteca Rendella e rilasciata alla presenza dei genitori, è intestata ai piccoli lettori e consegnata loro direttamente.
E’ questa è una scelta strategica, pensata per favorire un avvicinamento dei più piccoli, passo dopo passo, al “mondo della biblioteca”, al concetto del prestito bibliotecario; consentendo di sviluppare e sostenere in loro l’abitudine e il piacere di leggere, di apprendere e di utilizzare le biblioteche in futuro. Novità che contribuisce a rendere il bambino centrale, partecipe di un cambiamento che lo aiuterà a diventare un adulto consapevole.